Archivio

Archivio Gennaio 2007

Triste io ( ma neanche tanto)

24 Gennaio 2007 11 commenti


Inizio la giornata con la pioggia, anzi la grandine a mazzetta, per andare all’università e sentirmi un pochetto fuori luogo con tutti sti ragazzi la cui terza cifra della data di nascita inizia per 8 e la quarta cifra con un numero superiore al 6 ma vabeh, non stono più di tanto.
Ritiro un noioserrimo piano di studi con migliaia di esami in più ma vabeh, penso, “l’hai voluta la bicicletta?”
Torni a casa e incontro le guardie che vogliono portarmi in caserma perchè giro senza documenti ma vabeh…
Cerchi di fare la traduttrice tra una filippina appanicata e un carabiniere un po’ troppo insolente e vabeh..
Salgo in casa, con la pioggia che spacca i vetri, un tempo che sembrano le dieci della sera e metto cosa?
La colonna sonora di Goodbye Lenin.
Sì, oggi mi voglio fare un po’ male, perchè mi sento come se mi mancasse qualche pezzo, un piccolo pezzetto quasi del tutto inutile che però si fa sentire e mi fa scegliere le canzoni malinconiche che bene si intonano con il tempo e con la metereopatia portami via.
Sorrido allo specchietto che ho di fronte perchè mi sto sul cazzo quando ho la faccia triste e mi ritornano in mente poche parole che mi diceva sempre un signore sconosciuto che incontravo tutte le mattine “Lei ha un sorriso triste. Un sorriso che nasconde qualcosa”
Sì è vero ma chi non lo ha?
Meno male che esistono le amiche che sicuramente riaddrizzeranno la serata…
Intanto io mi metto in finestra e aspetto di vedere Lenin che vola…

Marchette

21 Gennaio 2007 3 commenti


Pasare il sabato pomeriggio in casa tra lavatrici, aspirapolvere e cambiamenti delle geometrie interne alle stanze (Eh?? Boh!) è deleterio.
Adesso lo so!
E siccome un blog solo non mi bastava ecco qua che ne ho fatto un altro. Stavolta però è un blog di commmitiva sempre se le altre si degnano di scrivere qualcosa.
VENGHINO SIGNORI VENGHINO.

PIU’ GENTE ENTRA PIU’ BESTIE SI VEDONO!

Bucio di culo fa 23, anzi no, fa 17!!!

17 Gennaio 2007 6 commenti


…e capita che proprio quando non te l’aspetti le belle notizie arrivano, tutte insieme, come una valanga e tu rimani inebetita e pensi solo “Che culo…no no che culo!” e l’altra parte del cervello, quello orgoglioso pensa “E cazzo, stavo a aspettà da un anno!!”
Quindi cancelli dal mediaplayer tutta la compilation triste e metti su Motel connection e Bandabardò, abbracci le amichette di casa, sorridi a tutti, pure a quelli che ti stanno sulle palle e sei leggeeeeeeera…
Mo’ me manca solo L’OMO!!

In compenso sono cue giorni che ricevo telefonate da persone che conosco e che mi dicono “No scusa, dovevo chiamare un’altra persona!”
A parte il rimanerci male sta cosa inizia ad inquietarmi…

In foto una prova di abilità della sottoscritta per entrare a far parte del Circo Togni!!Venghino signori venghino!
Fatevi due risate pure voi…

Giusto il tempo di una canzone

12 Gennaio 2007 7 commenti


Perchè grazie a Nostra Signora della Musica, Gala, ho conosciuto questa canzone che mi fa pensare alla minivacanza umbra.
Perchè un po’ in queste parole mi ci riconosco.
Perchè spesso una canzone, per l’amica che ricorda e insieme a lei tutte le cose belle, ti riscalda parecchio.
Perchè, come dice la mia amichetta Airine, sono una donna di pasta frolla.
Perchè è un periodo un po’ così e piuttosto che scrivere paranoie sto zitta.

Lei non parla mai
lei non dice mai niente
Ha bisogno d’affetto
e pensa che il mondo non sia solo questo

Non c’è niente di meglio
che stare ferma dentro a uno specchio
come è giusto che sia
quando la sua testa va giù
e tutta la vita
gira infinita senza un perchè
e tutto viene dal niente
e niente rimane senza di te

Lei non parla mai
lei non dice mai niente
Non è poi così strano se chiede perdono
e non ha fatto niente

Non c’è niente di meglio che stare in silenzio
e pensare al meglio
ha un’estate leggera che qui ancora ancora non c’è
e tutta la vita
gira infinita
senza un perchè
e tutto viene dal niente
niente rimane senza di te
e tutta la vita gira infinita
senza un perchè
e tutto viene dal niente e niente rimane senza di te

Lei non parla mai
lei non dice mai niente

Nada – Senza un perchè